Le vampire di 4suckers: diversità e bellezza eterogenea

“Specchio specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?”. Così recitava Grimilde, la malvagia matrigna di Biancaneve, invidiosa e ossessionata dalla bellezza fino ad arrivare ad avvelenare la figliastra più bella e più giovane di lei….

4suckers uthe specchio

L’immaginario di fiabe e leggende  è ricchissimo  di figure femminili acide e fatali. La competizione tra donne è una storia  vecchia come il mondo specialmente quando si tratta di competere per chi è la più bella …

Lo psicoanalista Alfred Adler afferma che la voglia di competere  deriva spesso da un senso di inferiorità nei confronti di  chi ha più successo di noi e quindi da una nostra mancanza,  Sostiene  che le critiche  delle donne nei confronti delle presunte rivali    non siano altro che modi per svalorizzarle e  che nel mondo femminile non esistano relazioni  senza competizioni e  invidie…

Non è sempre così per fortuna…

Che dire quindi   delle quattro protagoniste di questa web serie, tutte belle e “determinate” anche se ognuna in modo diverso…?

La bellezza eterogenea delle quattro vampire è un fatto lampante, e lo è altrettanto la loro diversità di carattere.

4suckers xena amira violetta uthe
Xena, Amira, Violetta, Uthe, in arte: 4Suckers

Che tutte le vampire che affollano libri, film e televisione –  la prosperosa Monica Bellucci, sposa-vampira di Dracula nel film di Coppola,  le belle attrici di The Vampire Diaries e la bella Bella di Twilight –  godano di avvenenza  estetica è un fatto fondamentale:  la bellezza dell’aspetto fa parte del loro corredo  di armi da caccia,  e non poteva quindi essere diverso  per le nostre protagoniste..

Ma se il se tema della bellezza femminile  è ampliamente trattato, il tema della competizione, anche se a volte in chiave ironica, è decisamente un secondo  Leit – Motiv nella serie…

Ed  ecco che  storie di piccole invidie, amore amicizia sesso moda e potere… proprio come nella capostipite di tutte le serie femminili “sex and the City” dominano la scena; il tutto inserito in un environment variopinto e modaiolo, e come tutte le “it-girls” che si rispettino , anche le nostre protagoniste si impongono con stili e mode ma soprattutto con modi di essere….

4suckers xena amira violetta uthe

Oscar Wilde diceva che “la bellezza è una forma del genio, anzi, è più alta del genio perché non necessita spiegazioni..”

E infatti senza dare spiegazioni la loro bellezza si esprime proprio attraverso la loro intelligenza e la loro diversità unendo  l’aspetto   gotico e un po’ dark di Xena,  l'(apparente)  ingenuità della esotica Violetta, la (finta) svampita ma astuta  e barbie-like Amira con  la rigorosa e perversa – ma in fondo anche benevola –  business-Woman Uthe, un po’ maschile nei modi ma tutta femminile nei tratti, portandole ad  interagire sul set in questa  brillante e sarcastica commedia dal sapore un po’ horror – kitsch…

Il tema delle eterogeneità si  gioca sul filo del rasoio tra diversità e similitudine:    tanto diverse e tanto uguali   nella fiction e nella vita reale  le quattro protagoniste che si trovano a vivere sotto lo stesso tetto per colpa di  un inaspettato destino, sono  unite da un unico comune denominatore: quello di essere pronte a tutto pur di raggiungere il proprio traguardo..

Se questo protetto ha portato noi quattro una vicino all’altra sul set di 4suckers, ci ha unite – grazie  all’insostenibilità del caso –  anche nella vita, e invece di  entrare in competizione l’una con l’altra, abbiamo fatto squadra e cercato sin dall’inizio  di sfruttare  le nostre differenze vivendole  come  un’ opportunità  per imparare  l’una dall’altra e per  diventare persone migliori 🙂

4suckers xena amira violetta uthe
4Suckers con outfit in ecopelliccia Knotfur

Lascia un commento