NELLE PROTESI…SOLO GEL COESIVO PER FAVORE..!

 

 

NELLE PROTESI…SOLO GEL COESIVO PER FAVORE..!

 

Dopo aver lavorato per molti anni per aziende che producono protesi mammarie  le protesi mammarie non hanno più segreti per me 🙂

In realtà non esistono molti segreti,  ma spaziando in internet mi rendo conto che ne dicono tante, e posso capire che  una persona che si vuole avvicinare ad un aumento del seno con protesi, anziché trovare utili informazioni, quello  che trova spesso porta solo ad ulteriori   equivoci,  dubbi e confusione…

Esiste infatti sul mercato una varietà immensa di protesi mammarie, dove è difficile orientarsi, e come in tutte le cose non è vero che solo alcune aziende possiedono i requisiti per una protesi di buona qualità, anzi: ciò che vale per prodotti di ogni genere vale anche per le protesi mammarie: non è detto che le aziende che investono più soldi in marketing, e che sono per questo  più pubblicizzate e  più nominate,  offrano  sempre il prodotto migliore, anzi: esistono case produttrici di protesi mammarie meno conosciute che hanno però un prodotto molto valido…

Le  cose più importanti che accomunano una buona protesi sono fondamentalmente tre:

  •  Involucro in elastomero di silicone in triplice strato  antitrasudamento

  • Testurizzazione (quando c’è) a stampo

  • Gel riempitivo coesivo

Credo che tutti noi sappiano che cosa significhi <<gel coesivo>>. Significa gel NON liquido, e cioè denso, fermo. Questo è importante quando  –  qualora la protesi si dovesse per una qualsiasi ragione bucare o rompere – non si corra il rischio che il silicone trasudi nella tasca intorno alla protesi, ma che rimanga – trattenuto dalla sua composizione coesiva – quasi sempre all’interno della capsula periprotesica..

So che l’ esempio che sto per fare è un po’ lontano dal campo chirurgico ma provate ad immaginare di tagliare a metà una caciotta di formaggio che contiene un formaggio morbido ma tipo crescenza o gorgonzola. E’ morbido ma non <<migrerà>> più di tanto perché trattenuto dalla propria densità…

Oggi quasi tutte protesi contengono gel di silicone del tipo coesivo . Il gel di silicone liquido è praticamente in via di estinzione.

Tuttavia esistono case che ancora lo producono .( la fotografia in basso mostra una protesi di una rinomata casa )…

Non ci sono ormai dubbi sulla preferenza tra i chirurgici plastici in Italia ed in Europa : il gel preferito è sicuramente quello  in silicone coesivo anche perché presenta vantaggi anche sotto il profilo estetico..

Da non confondere però è la coesività del gel con la morbidezza della protesi: il gel coesivo si contrappone al gel liquido, non alla sua morbidezza, ossia un gel più morbido non deve essere scambiato per liquido: oggi esistono protesi in commercio riempite con gel altamente coesivi ma allo stesso tempo morbidissime al tatto.

Di solito si parla di densità suddividendo i vari gradi in una scala che va da 1 a 3 dove dicesi C1 (coesivo 1) al gel meno denso e C3 invece a quello più denso (più solido al tatto),  di solito proposto nella versione anatomica (a goccia) della protesi.

Nella densità più bassa parliamo di un gel molto viscoso mentre invece in quella più alta di un gel piuttosto solido.

La differenza della densità diversa del gel ha un impatto importante sul risultato,

anche se questo potrebbe essere discusso all’infinito. Una cosa però è certa: più il gel è denso  più esso appare <<fermo>>, meno il gel è denso, più è mobile e scivola verso il polo basso della protesi quando ci troviamo nella posizione verticale (per ritornare a riempire il polo superiore quando saremo sdraiate) conferendo al seno – che contiene la protesi – una forma più simile a quella di un seno naturale. Le protesi C1 saranno anche più morbide al tatto e molto più vicine come consistenza ai tessuti naturali del seno.

Tutto questo serve per dare i risultati che cerchiamo a seconda del punto di partenza del seno della paziente;  non siamo infatti tutte uguali e per il seni con una base più ampia dotati di una ghiandola più estesa è possibile proporre una protesi dal gel meno denso, mentre per aumentare un seno molto piatto la scelta sarà spesso una protesi dal gel più denso per fornire al seno una maggiore proiezione…

Tuttavia si cerca di andare incontro anche al gusto della paziente: conosco donne a cui piace l’effetto di un seno molto riempito e un po’ artefatto, altre invece preferiscono una versione più morbida e naturale.
La cosa migliore è fidarvi del vostro chirurgo e scegliere insieme a lui cosa lui cosa sia la soluzione migliore:-)

 

per info e contatti scrivete a     infochirurgiaesteticasicura@gmail.com                +39 348 9289744

CHIRURGIA DELL’ UOMO…QUANDO ANCHE IL MASCHIO SI FA BELLO

 

 

CHIRURGIA DELL’  UOMO…QUANDO ANCHE IL MASCHIO SI FA BELLO

Chi l’ha detto La chirurgia e la medicina estetica sono unicamente  <<roba per femmine>>..?  e che un vero uomo non <<ha bisogno>> del ritocchino estetico?

Sbagliato infatti

   Forse  vi sorprenderà ma la chirurgia e la medicina estetica   si stanno diffondendo sempre più anche nell’universo maschile , e oggi  il ricorso alla medicina e alla chirurgia estetica da parte dell’uomo è sempre più frequente ed in percentuali sempre più elevate rispetto a qualche anno fa..

Del resto  viviamo in un mondo  dove piacere e piacersi è molto importante per il successo personale di entrambi…

Certo, l’uomo deve essere uomo ma è sbagliato pensare che non sia concesso  anche a lui il diritto di rimuovere un fastidioso inestetismo oppure di <<aiutarsi>> un pochino quando serve…

Ho curiosato un po’ intorno a questo topic,   e per raccogliere informazioni più attendibili  ho interpellato  alcuni chirurghi plastici di mia conoscenza, giusto  per capire bene:

Che cosa  esattamente chiedono   i  signori maschi quando si tratta di migliorare il proprio aspetto?

In verità le  esigenze dell’ uomo non sono poi tanto diverse da quelle delle donne:

  • correggere piccoli difetti, che essi siano di natura congenita oppure derivanti da fattori legati all’invecchiamento piuttosto che  da cattive abitudini da cui ci si vorrebbe allontanare (alimentari, di sedentarietà etc…) .
  • rimuovere un inestetismo che pur non essendo tanto evidente, a chi ne è portatore rappresenta un limite nella propria vita sociale.
  • ringiovanire   il  volto ed il corpo

Ma andando più nel dettaglio, e mettendoli in una scala,  quali sono gli interventi più richiesti dall’uomo..?

1.) La prima in lista è la liposuzione o liposcultura,

un intervento sempre più popolare tra gli uomini  per rimuovere  i depositi di grasso non desiderati da aree specifiche come addome,  fianchi, glutei,  cosce,  ginocchia, petto, mento e  collo.

Tra tutte è però la pancetta  a rappresentare  il cruccio di quasi la totalità degli uomini, e nel  caso specifico dell’addome questo tipo di chirurgia permette di migliorare moltissimo l’aspetto di una pancia prominente   e – se associata  ad addominoplastica – anche di eliminare l’eccesso di pelle e ripristinare la parete muscolare addominale.

(Attenzione però:  pur essendo liposuzione e liposcultura  ottimi rimedi per  rimuovere adiposità localizzate la chirurgia  non e’ un sostituto della dieta e dell’esercizio fisico)…

2.) Questo primo intervento in lista è prontamente seguito dalla  sempre tanto ambita blefaroplastica  che ha come obiettivo  la correzione  dei  difetti delle palpebre, incluse  borse di grasso e occhiaie che complessivamente rendono lo sguardo affaticato e triste  (vedi art SGUARDO AL TOP  con la blefaroplastica)..

  1. ) Al terzo posto si posiziona  la rinoplastica   per modificare le dimensioni del naso ,   la forma del dorso,  della punta  oppure di entrambe. Indicata anche per modificare l’ampiezza delle narici  la  chirurgia del naso è molto utile  per migliorare l’armonia del viso senza  stravolgere la sua fisionomia…

4.) Il quarto intervento   è  : il  lifting facciale(vedi articolo SE HAI DECISO DI REGALARTI UN FACELIFT)  completo o parziale,  con o senza  modificazioni volumetriche per esempio del mento (dell’area zigomatica, malare o mandibolare, oppure più di uno di questi elementi contemporaneamente), proprio per correggere le disarmonie di cui il volto è affetto.

Tecnicamente questo significa  modificare  le dimensioni di queste parti,  come per esempio ridurre un mento troppo lungo oppure , al contrario, aggiungere volume ad un mento troppo sfuggente. Le tecniche che si propongono sono varie: l’aumento volumetrico potrà essere ottenuto con un lipofilling,  un semplice filler oppure attraverso l’impianto  – anche nel contesto del lifting facciale – di piccole protesi..

5.) In quinta posizione abbiamo   l’otoplastica ,
intervento adatto  a chi ha necessità di riposizionare e rimodellare delle orecchie troppo prominenti, un difetto di solito presente sin dalla nascita, oppure altri inestetismi dell’orecchio come lobi troppo larghi o troppo lunghi etc.) ..

6.) Al sesto posto si posiziona l’ aumento volumetrico di alcune parti del corpo come i pettorali ( vedi Art I PETTORALI MASCHILI ) oppure i polpacci, attaverso l’inserimento di  protesi adeguate. Questo tipo di richiesta arriva soprattutto da chi pratica culturismo e desidera  adeguare queste parti  ( che non aumentano di volume nemmeno con esercizi appropriati ) al volume del resto del corpo…

  1. ) Solo settimo in lista: il trapianto dei capelli,  nonostante la calvizie maschile sia un sintomo piuttosto diffuso. La ragione per questo è probabilmente il fatto che molti uomini non ne fanno un problema, e anzi sanno che una  testa calva alla Dwayne Johnson o  Bruce Willis  possono  essere molto   attraenti  e che molte donne ne vanno matte e la trovano terribilmente sexy..

Per chi invece ambisce ad avere una testa folta di capelli,  il trapianto  di capelli  è la soluzione. Il trapianto consiste nel trasferimento di una certa quantità di   singoli bulbi piliferi autologhi ( per chi ne è fornito ) dalle regioni del cuoio capelluto  dove sono abbondanti alle zone che lo necessitano ,   oppure di  capelli artificiali (per chi non è fornito di capelli autologhi) , pratica meno costosa e molto sicura. Il risultato  è molto naturale  e duraturo (e ripetibile)  in entrambi casi…

8. ) nell’ambito della  medicina estetica, l’uomo ama concedersi  iniezioni di acido ialuronico o collagene, sia come biostimolante per mantenere una pelle ben idratata , sia come classico Filler per riempire alcune rughe quando queste sono veramente molto marcate ( mi riferisco a quelle ai lati della bocca, dette anche nasogeniene).

9.) Molto gettonata anche  la ormai classica  tossina botulinica,

perché non si vede  (nel senso che non c’è tracciabilità del trattamento, trattandosi di iniezioni), e ci si ritrova, entro pochi giorni, con una fronte più rilassata ed uno sguardo e un volto  più riposati e distesi (vedi l’articolo PAURA DEL BOTOX ).

10. ) Sono molto richichiesti anche  i peelings a base  acido glicolico , tricloracetico o altro, oppure  i trattamenti laser per la rimozione di esiti cicatriziali da acne,  iperpigmentazioni,   per migliorare le irregolarità della pelle e raffinandone  la grana  e donandole un aspetto più levigato..

Agli uomini  che temono che un ritocco chirurgico possa  femminilizzare i loro tratti,  posso dire state tranquilli : nessun ritocco ha la capacità di femminilizzare….Il fatto è che nella donna si va alla ricerca di rotondità e di  linee più gentili, mentre nel maschio si va ad  enfatizzare invece la spigolosità e le linee sono più marcate e più sobrie:

una rinoplastica femminile  non sarà mai uguale   quella maschile  e lo stesso  vale per gli aumenti volumetrici del volto, le dosi adeguate di filler, l’uso della tossina botulinica e così via…

Certo, a questo punto  subentra la responsabilità  del chirurgo che oltre  ad essere esperto nelle tecniche chirurgiche avrà il meraviglioso privilegio di poter fare appello al proprio senso estetico.   Essendo la chirurgia e la medicina estetica una scienza non esatta ed essendo  anzi, al contrario , dominata dall’individualità, è fondamentale per il chirurgo  capire che cosa chiede paziente che ha difronte, che cosa lo caratterizza e che cosa lo rende diverso da un altro.

Questo significa infatti che,  trovandosi di fronte un paziente donna piuttosto che uomo , è naturale pensare che nell’uomo andrà incoraggiata la mascolinità, mentre nella donna, al contrario, la femminilità. Ma questo vale anche in generale, a tal punto che  lo stesso tipo di intervento in due  persone di sesso uguale  potrebbe (e dovrebbe) avere esiti completamente diversi proprio sulla base di queste differenze…

Del resto anche quando Michelangelo creò il David non ha certo tenuto come parametri gli stessi  utilizzati da Botticelli quando ha dipinto la Venere, entrambi considerati da sempre l’ideale perfetto di bellezza maschile e  femminile

La chirurgia plastica ed estetica è il luogo dove arte e medicina si incontrano  ( guarda il video LA CHIRURGIA E’ ARTE PARTE I con il dr Alberto Gallucci e  LA CHIRURGIA E’ ARTE PARTE II ) perchè entrambi hanno in comune l’esaltazione della bellezza ,

e la progettazione del chirurgo è la stessa dello scultore che dà forma ad un oggetto partendo da un materiale grezzo, e dove  prodotto finale sarà il risultato di competenze e conoscenze  ma anche dell’espressione di cuore, consapevolezza ed ispirazione artistica 🙂

per info e contatti scrivete a infochirurgiaesteticasicura@gmail.com  +39 348 9289744

MANCA LA VOGLIA DI ANDARE IN PALESTRA…?

Per mantenersi in forma non è necessaria la palestra; basta far diventare l’allenamento parte della nostra quotidianità…

.

Esistono  molti  piccoli “trucchi” ..che adottati con costanza, danno buoni risultati e forniscono un corpo tonico e snello.  Per esempio:

1)Praticare la ginnastica “nascosta”: I passi                                                              

  I passi sono passi, non importa se eseguiti in palestra, nel parco “joggando” oppure durante una sessione di shopping nell’area pedonale del centro. Ciò che conta è la quantità più della velocità. Quindi camminate ogni volta che potete.  Fate le scale ,evitate scale mobili ed ascensori. Se andate al lavoro in metro scendete una fermata prima… E se volete aggiungere un lavoro top, eseguite alcuni semplici esercizi inserendoli nella vostra attività quotidiana come stringere i glutei quando siete sedute alla scrivania oppure in auto , fare una decina squat a regola d’arte ogni volta che dovete abbassarvi sulle voste gambe. Adottate una postura eretta quando camminate: spalle aperte e addominali tese…”Sentite” la forza dei vostri obliqui ad ogni passo: imparate a percepire i vostri muscoli e ad impegnarli proprio come durante un allenamento in palestra…!

2)Mangiare usando la testa usando seguendo alcune regole essenziali:

E’ sottinteso che il gambo di sedano durante l’aperitivo è più indicato della focaccia con la coppa.. ma non voglio fermarmi su queste cose ovvie. E’ però fondamentale in questo campo avere una minima conoscenza, farsi una cultura alimentare, e sapere cosa contengono i cibi per saperli “usare” a nosto favore. La conoscenza  ci permette sempre di scegliere, e non è diverso nel campo dell’alimentazione: sapere per esempio che per favorire l’aumento e la manutenzione della massa magra ci vogliono le proteine, ma non solo: che i succhi di frutta e le bibite in generale contengono zuccheri, che un piatto di prosciutto crudo non è affatto un piatto “magro” e così via…E’ importante inoltre bere  acqua durante il  giorno, fare 5 o 6 piccoli pasti invece di due o tre abbondanti, cominciando la giornata con un’abbondante colazione .

Ci sono purtroppo tantissime persone che si allenano duramente  per tutto l’anno ma che vanificano gran parte dei loro sforzi a causa di una cattiva alimentazione, o comunque non adeguata allo sviluppo della massa muscolare.  Svolgere una dieta corretta è infatti tanto importante quanto eseguire le giuste routine in palestra . E in più, così facendo , ci alleniamo anche mangiando, sfruttando le proprietà nutrizionali del cibo per costruire i nostri muscoli e a bruciare la massa grassa. Proprio come in palestra…

3) Stimolare la circolazione

Per avere una pelle tonica la parola d’ordine è: stimolare la circolazione..!
Usate un peeling grossolano oppure il vecchio guanto di crine. Procedete dal basso verso l’alto iniziando con I piedi per poi procedere con polpacci, le cosce , l’ addome e poi le braccia, sempre dalle mani verso le spalle. Guanto e pelle dovrebbero essere asciutti per ottenere il massimo effetto. Vi sentirete come nuove!
Dopodichè applicare un buon prodotto con ingredienti rassodanti.
A Chi vuole invece un effetto rassodante amplificato – parlo alle amiche più mature – suggerisco l’elettroporatore manuale, piccolo e pratico , che rispetto all’applicazione manuale di una crema è in grado di trasmettere 5% in più degli ingredienti del prodotto .. Con utilizzo regolare i risultati saranno garantiti in poche settimane ( se siete interessati contattatemi)

4) Il Massaggio tonificante linfatico

Perfetto per sgonfiare e rassodare, aiuta ad eliminare la ritenzione idrica; infatti è un valido alleato per combattere anche la cellulite.
Il massaggio tonificante, o linfodrenante, è un trattamento per il corpo che agisce sul tessuto più superficiale della pelle. A seconda delle singole necessità, questo massaggio può essere praticato su tutte le zone del corpo (glutei, addome e anche il viso). Tramite i movimenti delle dita delle mani, che possono essere lenti o ritmici, si praticano delle leggere pressioni e depressioni volte alla tonificazione dei tessuti.

5) Praticare Yoga

anche 10 minuti al giorno.
Le posizioni yoga – chiamate asanas – mantenute con il controllo del respiro sono mirate a garantire benefici al corpo, allenando muscoli e tendini, aiutandoli a diventare più elastici e “allungabili”, ma anche potenziandone tono, forza e resistenza. Il respiro facilita l’allungamento della muscolatura, perché una corretta respirazione favorisce uno stato di rilassamento globale utile per il lavoro di allungamento muscolare. Anche la postura ci guadagna , prevenendo la comparsa di dolori scheletrici, fastidi articolari e problemi alla schiena. Stimola la circolazione . in tutti i distretti corporei, anche i più periferici, migliorando l’ossigenazione dei tessuti.
Finalizzato a cancellare ogni forma di pensiero, lo yoga rilassa corpo e mente, riduce gli effetti dello stress – molto nocivi per il nostro benessere e anche per la nostra bellezza – migliorando la consapevolezza di sé e l’atteggiamento mentale 🙂

Per informazioni e appuntamenti scrivere a : infochirurgiaesteticasicura@gmail.com    +39 348 9289744